Sabato 27 Ottobre 2018 Aeroporti basta subirli!

Aeroporti basta subirli

Aeroporti basta subirli

Posted in Iniziative | Tagged , | Comments Off on Sabato 27 Ottobre 2018 Aeroporti basta subirli!

STOP all’inceneritore di Scarlino!

Martedì prox 25 settembre ore 15 in Consiglio Regionale saremo anche noi presenti a chiedere di annullare in autotutela l’autorizzazione a Scarlino Energia a bruciare rifiuti urbani e speciali.

Basta leggersi gli allegati alle mozioni per comprendere l’inadeguatezza dell’impianto e il contesto ambientale (aria,acqua,suolo) già molto critico per la presenza di industrie chimiche con montagne di rifiuti di processo.

Non ci risulta sia mai stato fatto uno studio epidemiologico sui cittadini residenti di Scarlino e Follonica e pertanto il principio di precauzione impone, a tutela della salute dei cittadini, lo STOP a qualunque nuova industria inquinante.

Ricordiamo che laddove è stato fatto lo studio , ad esempio su inceneritore di Arezzo e Pisa, si è riscontrato un eccesso di tumori, malattie e decessi associabili alla fonte inceneritore,

Posted in Comunicati, Iniziative | Tagged , , | Comments Off on STOP all’inceneritore di Scarlino!

Toscana aeroporti scava con quale diritto? Il futuro e’ il parco!

Mentre i riflettori sono puntati sulla Conferenza dei Serivizi, aperta Venerdi 7 a Roma, nella piana scavano. Ancora ruspe, benne, reti e nastri sui terreni minacciati. Toscana Aeroporti affida i lavori con procedura d’urgenza il 5 di Settembre, 2 giorni prima della Conferenza. Perchè tanta fretta ? E’ forse un ennesimo tentativo di condizionare le scelte politiche ? Il dubbio è più che legittimo visto lo spregio di norme e regolamenti grazie a cui continua a lavorare l’aeroporto attuale.
302Mila euro di scavi “investiti” come mezzo per forzare le procedure a proprio favore? Non sarebbe la prima volta ricordando le trivellazioni della scorsa estate contestate come abitanti.

Sono state aperte diverse trincee nella zona dell’Oasi della Querciola, del sovrappasso autostradale e altre località con l’obiettivo dichiarato di esguire
“saggi archeologici, servizio di pulizia superficiale taglio vegetazione, bonifica da ordigni esplosivi residuati bellici”

E’ urgente e importante condividere queste informazioni nella consapevolezza che la difesa dell’ambiente e delle risorse collettive passa anche dalla sorveglianza popolare sui territori, dalla circolazione delle informazioni e dalle relazione tra gli abitanti.

Hanno scavato e scaveranno ancora. Troveranno resti dell’antica CAMARS etrusca ? insediamenti della civiltà Villanoviana ? mura romane ? chissà…
Quello che non troveranno è la nostra rassegnazione ai loro progetti di cemento, speculazione, devastazione ambientale e precarietà travestita da lavoro sicuro.

Il futuro di Firenze e della sua area metropolitana non passa dalla costruzione di un nuovo Aeroporto Intercontinentale ma dalla realizzazione del Parco Agricolo della Piana per difendere l’ambiente, sviluppare nuove economie sostenibili, rivitalizzare le relazioni sociali tra gli abitanti.
Abbiamo già cominciato!
Lunedi 10 Set. 21.15 Assemblea al Presidio

Inceneritore e Aeroporto; stessi nemici stessa fine!
Tocca a Tutt* noi

Scavano con quale diritto?

Scavano con quale diritto?

Posted in Comunicati | Tagged , , , | Comments Off on Toscana aeroporti scava con quale diritto? Il futuro e’ il parco!

Evitare la morte ecologica di Firenze

APPELLO ai partecipanti alla CONFERENZA DEI SERVIZI per il Nuovo Aeroporto convocata il 7 Settembre 2018 al Ministero delle Infrastrutture a Roma

Signori/e, una grande responsabilità vi coinvolge:
EVITARE LA MORTE AMBIENTALE E ECOLOGICA di Firenze e delle altre città della ‘Conca’ che dall’ Apparita si svolge fino alla sella di Serravalle pistoiese, e in fin dei conti anche una loro irreversibile malattia ECONOMICA E CIVICA se si guarda non solo al presente ma al medio-lungo periodo. Approvare l’aeroporto sarebbe un atto letale nei confronti delle città e dell’ ecosistema, il quale potrebbe viceversa essere l’unico elemento ancora capace di salvare l’intero insediamento umano, per il tempo attuale e per il futuro.
L ‘ idea che l’ Aeroporto e le sue aree di competenza facciano parte di un più vasto ecosistema – fondamentale per la sopravvivenza delle persone, del territorio e delle relazioni paesaggistiche – e che la costruzione dell’Aeroporto distruggerebbe completamente, irrimediabilmente e in maniera letale – non compare nel dibattito pubblico e tantomeno nel Masterplan, nel quale il concetto di ecosistema è totalmente ignorato, e dove ci si perde in progetti non richiesti sulle aree di “compensazione” invadendo ambiti di programmazione di competenza dei Comuni e dei loro abitanti; progetti che non saneranno mai la perdita del polo centrale dell’ecosistema stesso, e dell’intera sua natura di “sistema”, ecologico ed economico.
Soltanto l’ UNESCO – Commissione Patrimonio Mondiale – prende in considerazione l’ ecosistema nella decisione ( luglio 2015) di approvare una ampia BUFFER ZONE, costituita dalle colline e dalla pianura verso Prato, quale adeguato strumento di gestione per un ulteriore tutela della città di Firenze, patrimonio dell’ umanità, e contemporaneamente della Piana e del Parco agricolo che “ costituiscono il sistema di relazioni da preservare e valorizzare” per il futuro delle generazioni umane e non umane che ci vivono e che ci vivranno.
L’ Ecosistema della ‘Conca’ – il bacino intermontano del medio Valdarno che si struttura dai monti a nord ( Appennino pistoiese, colline montalesi, Monteferrato, Calvana, Morello, di Fiesole) al pedecolle, alla pianura, all’Arno, al Montalbano e ai popolosi centri abitati fino a Prato e a Pistoia – ed in particolare il suo centro nella Piana, con il sistema di acque superficiali e sotterranee, di bonifiche e della centuriazione, di zone umide ( stagni di Focognano, di Val di Rose, Lago di Peretola), di aree naturali protette (Monteferrato, Calvana), nonostante tutto è ancora il cuore ecologico dell’intero sistema, il cuore verde della Città Metropolitana, anche se è sempre stato considerato il ‘retro’, il ‘selvatico’ del territorio urbano.
Senza questa sua capacità vitale pulsante, l’intero sistema entrerebbe in crisi e si squilibrerebbe decadendo progressivamente verso il collasso di tutto l’ecosistema della ‘Conca’.

La distruzione della Piana, quella conseguente dell’intero Ecosistema e della biodiversità, produrrebbero l’asfissia progressiva di tutti gli abitati e degli abitanti stessi, tutti collocati intorno a quello che è divenuto il baricentro vivente dell’intero sistema.
Così l’aeroporto, sia con la sua presenza invasiva sia con la sua attività pericolosa ed inquinante nei confronti di tutti i cittadini della Piana più o meno direttamente sorvolati, diviene il fattore di morte di tutto il complesso e del sistema, distruttore inoltre del cuore verde di tutta la Città Metropolitana: un unico lago di cemento e di asfalto si salderebbe dalla Chiesa di Michelucci (ad ovest) fino a Rovezzano (ad est) per poi dilagare fino a Prato, a Scandicci a Lastra, a Carmignano e al territorio pistoiese
EVITATE di mettere a rischio letale un milione di persone, senza considerare turisti e pendolari per ragioni di lavoro, di compromettere una porzione essenziale dell’ Italia, e di degradare il patrimonio e la vita degli abitanti di tre città – Firenze, Prato, Pistoia – di borghi e paesi della Città Metropolitana.

A maggior ragione in quanto:
*La non approvazione dell’ aeroporto trova ulteriori pesanti motivazioni nell’ emergere di diffusi fattori limitanti dei territori della Piana e delle colline, che ne stanno riducendo drasticamente la bio-potenzialità.
*Queste dinamiche locali si inseriscono nella ormai accertata crisi sistemica della civiltà industriale basata sui combustibili fossili. Circostanza che, con il raggiunto picco di petrolio convenzionale, riduce il flusso di energia e imporrebbe, a esseri umani saggi e ad istituzioni lungimiranti, di rivedere in modo radicale (vale a dire alla radice) il sistema delle infrastrutture e dei trasporti, da un lato, e dall’ altro il superamento di produzioni di merci e di territorio basate sulla proliferazione del debito strutturale. Un debito che i centri finanziari, industriali e istituzionali contraggono, all’ insaputa degli abitanti, scommettendo su riserve e risorse naturali future che già da oggi non sono più disponibili a costi economici accettabili. L’ ethos di ogni possibile progetto di cura, manutenzione, anche di trasformazioni necessarie per le esigenze e i bisogni specificamente umani e dei territori, impone viceversa di favorire metabolismi virtuosi tra ambiente e economia, tra la struttura del territorio e coerenti infrastrutture non portatrici di impatti gravosi e dannosissimi.
*Il nuovo aeroporto con i suoi pesanti impatti ambientali e sanitari, si aggiungerebbe ad una conclamata situazione di crisi della ‘Conca’ a causa delle emissioni del traffico per il sistema autostradale – cui peraltro si aggiungerebbe la terza corsia dell’ autostrada Firenze/Mare -, degli inceneritori di Montale e di Baciacavallo (dando per scontato l’abbandono del nuovo inceneritore di Case Passerini) con il loro portato di diossine e di furani, e di altre fonti inquinanti di produzioni chimiche e tessili, degli effetti accumulati in ottanta anni di produzioni vivaistiche con uso di diserbanti e sostanze chimiche come il Glifosato che hanno compromesso le acque superficiali e sotterranee, rendendo tossici gran parte dei prodotti agricoli nel territorio pistoiese e pratese.
*Inoltre il volume di traffico aereo con il rilascio di gas, polveri e di carburanti in atterraggio e in decollo aumenterebbe i rischi sanitari in maniera esponenziale, in quanto la Piana Firenze, Prato, Pistoia complessivamente interessata dal traffico aereo – come Vi è noto – presenta per molti mesi dell’anno il fenomeno dell’ inversione termica che favorisce il ristagno di aria inquinata da polveri sottili e da particolati dannosi. Infine, a parte i persistenti problemi acustici per abitazioni e per il nuovo insediamento universitario, ci sono da considerare i rischi per la città di Firenze nel caso di manovre che obbligassero gli aerei a dirigersi verso la parte storica della città.

* per un utile “Atlante dei conflitti nella Piana Firenze Prato Pistoia” vedi http://www.perunaltracitta.org/speciali/atlante-dei-conflitti-nella-piana-firenze-prato-pistoia/

dalla Piana Firenze Prato Pistoia; Agosto 2018
Abitanti per AlterPiana

Prime adesioni in aggiornamento:
-Associazione Valdisieve e Vivere in Valdisieve
– Associazione V.A.S. ( Vita, Ambiente e Salute ), Prato
– Associazione Acqua Bene Comune, Pistoia
– Associazione “ ABC (Alleanza Beni Comuni )”, Pistoia
– Ambientefuturo, Lucca
– Comitato Campi No Nuovo Aeroporto di Firenze
– Coordinamento dei Comitati per la Salute della Piana di Prato e Pistoia
– Coordinamento Comitati della Piana
– G.R.A.S.P. The Future Life Environment (Groups of Relational Action for
Solidarity and Participation)
– Medicina Democratica Firenze
– No Tunnel TAV, Firenze
– Orto Collettivo Travalle, Calenzano
– Per Un’ Altra Città, Firenze
– Presidio No Inceneritori-No Aeroporto
– “Un’ Altra Sesto è possibile”; Sesto Fiorentino
– WWF ITALIA Onlus, Il Delegato regionale per la Toscana
– ZERO Waste Italy
– Rossano Ercolini, presidente Zero Waste Europe
– Gruppo Consiliare “L’ Altra Sambuca” di Sambuca pistoiese ( Roberto Fossi, Kelli Fronti, Franco Matteoni)

– Chi volesse aderire ci contatti

Il cemento non deve soffocare Firenze

Il cemento non deve soffocare Firenze

Posted in Comunicati, Iniziative | Tagged , , | Comments Off on Evitare la morte ecologica di Firenze

Mercoledì 18 Luglio 2018 Proiezione video inchiesta “Smog con le ali”

Smog con le ali

Smog con le ali

PROIEZIONE della video-inchiesta “SMOG CON LE ALI” di Marco Amendola, sarà presente l’autore.

Dopo la proiezione continueremo il dibattito con un Assemblea a cui parteciparà anche il ricercatore Bigagli per aggiornare sul progetto “Noisecap” un esperimento di scienza partecipata sulla misurazione dell’inquinamento acustico tramite un app per cellulari.

Gli Aerei inquinano. Non è sufficiente per essere “contro” ma è sufficiente per discutere dei problemi e delle conseguenze del loro uso. Conseguenze colpevolmente ignorate e taciute per troppi anni e che oggi, di fronte a previsioni di crescita sovradimensionate e allarmanti, si impongono all’attenzione
degli abitanti, degli istituti di ricerca, degli operatori della salute. Da più parti viene analizzata l’ “impronta ecologica” del trasporto aereo con l’obiettivo di esplicitare i costi umani, ambientali ed
economici che grandi corporations e decisori pubblici continuano a minimizzare per garantire la socializzazione delle perdite e la privatizzazione degli utili che ha letteralmente fatto volare i profitti
del settore.
Gli aerei disperdono inquinanti come le auto; anidride carbonica CO2, Biossidi di azoto NOx precursori delle polveri sottili PM10 e PM2.5. Sostanze che hanno conseguenze sulla salute umana e
del pianeta che non possono più essere ignorate.
Perchè le amministrazioni sempre più frequentemente fermano il traffico nei “giorni neri” delle nanopolveri ma non gli aerei?
E’ coerente il tentativo di rendere “green e smart” i centri cittadini con car/bike sharing, con la nuova tranvia, con le pedonalizzazioni, ecc.. mentre si “spinge” per realizzare un aeroporto intercontinentale?
Sono cittadini di serie B quelli di Bologna intervistati nel video che, come a Firenze, subiscono da anni la realtà dei sorvoli ?
L’Inchiesta di Marco Amendola, condotta senza padroni o padrini, solleva molte domande a partire da una realtà già preoccupane come quella della Pianura Padana e dei suoi grandi aeroporti. Un realtà che può diventare un incubo ancora peggiore o trasformarsi in occasione di riscatto e cambiamento per i nostri territori, la nostra salute, il nostro lavoro.
Queso dipende da tutt@ noi! Fermarli è possibile e lo abbiamo dimostrato!

Presidio Noinc-Noaero

Posted in Iniziative | Tagged , , , | Comments Off on Mercoledì 18 Luglio 2018 Proiezione video inchiesta “Smog con le ali”

Mercoledì 27 Giugno 2018 Mano nella mano per il Parco, senza aeroporto e nocività!

mano nella mano difendi la piana

mano nella mano difendi la piana

Vittoria No Inceneritore!
Ma la Piana va difesa!

MANO NELLA MANO PER IL PARCO DELLA PIANA SENZA AEROPORTO E NOCIVITA’!

Ritrovo alle ore 19.00 al Polo Scientifico di Sesto Fiorentino.
Dal Polo partirà un serpentone che si snoderà verso Sesto, una catena di abitanti che, mano nella mano, formano un abbraccio solidale che difende il Parco e la Piana!

Finiremo poi al Presidio, con cena alle 21.00 e a seguire dalle 22,30 musica, birra e banchetti informativi.

#UNVISIEFATTOFARE !
#EORANOAEROPORTO !

Promosso da Presidio Noinc-NoAero (Assemblea per la Piana contro le nocività) Mamme No Inceneritore e Critical Mass Firenze

Un abbraccio collettivo
per ricordare, come sembra sempre più evidente, che le alternative all’incenerimento dei rifiuti esistono, che si possono praticare, che si può vivere senza inceneritori e che questa scelta aiuta anche a definire obiettivi consapevoli di riduzione dei rifiuti. L’inceneritore di Firenze non verrà fatto ma ancora c’è molto altro da fare: la differenziata non decolla, non si mette in definitiva discussione il
ciclo dei rifuti, nè a valle nè a monte, non si pianifica la riduzione delle discariche e la chiusura degli impianti già esistenti, non si tolgono le grinfie del business sulla gestione dei rifiuti.

Un abbraccio collettivo per ribadire che la piana va protetta perché è l’unico modo per proteggere anche gli abitanti dei comuni che vi fanno parte e di quelli limitrofi. Inoltre la piana comprende anche preziose realtà faunistico-ambientali che verrebbero annientate dalle grandi opere.

Un abbraccio per confermare che non è sostenibile un aeroporto in città, né vecchio né nuovo poiché mette SEMPRE a rischio la popolazione ed è un opera impattante per il suo territorio.

L’attuale funziona dal 2003 in deroga: nessuna delle prescrizioni stabilite dalla VIA per la realizzazione di interventi necessari all’incremento del traffico aereo sono state rispettate, anche ARPAT ha appena multato la società per criticità d’impatto acustico. Ma basta andare a Peretola per rendersi conto dell’insostenibilità acustica e sanitaria di tale infrastruttura. Di quella che c’è e di quella futuristica decisa dalle lobby a dispetto di ogni ragionevole pianificazione urbanistica della città.

Immaginiamo quindi che dal Polo Scientifico di Sesto si snodi un “serpentone”, una catena solidale di abitanti che, mano nella mano, formano un lungo abbraccio dal presidio No Inc – No Aero dell’Osmannoro a Sesto Fiorentino.

Poi tutti insieme al presidio per una serata insieme con buon cibo e musica.

Posted in Iniziative | Tagged , , , | Comments Off on Mercoledì 27 Giugno 2018 Mano nella mano per il Parco, senza aeroporto e nocività!

14-21-27…quasi una tabellina! Per continuare le LOTTE!

Cene e assemblee

Cene e assemblee

Posted in Iniziative | Tagged , , , , | Comments Off on 14-21-27…quasi una tabellina! Per continuare le LOTTE!

STAMPA RASSEGNATA 020 21-27 Maggio 2018

podcast —>
https://wombat.noblogs.org/…/stampa-rassegnata-020-21-27mag/
In questo Pillolo:
– Un viaggio chiamato Fi-RENZI, la Kermesse al Puccini
– L’ Ultima Nardellata sono i Vigili con lo sponsor
– VITTORIA ! voci dalla piazza contro tutti gli inceneritori
– “The Day After” argomenti contro la nuova offensiva mediatica
– Uscire dal minoritarismo è possibile. Proviamoci ancora.

Posted in Articoli | Tagged , , , , | Comments Off on STAMPA RASSEGNATA 020 21-27 Maggio 2018

NO inceneritori NO aeroporto fermarli e’ possibile e lo abbiamo dimostrato!

Questa storia inizia nel 1986 a San Donnino, un Inceneritore viene chiuso per la grande mobilitazione degli abitanti. Nei primi anni 2000, gli amministratori locali non hanno ancora imparato la lezione, e ripropinano la costruzione dell’inceneritore di Case Passerini, all’ interno di un piano regionale di gestione dei rifiuti urbani che prevede diversi nuovi inceneritori, disattendendo già allora le direttive UE.

Da allora sono passati circa vent’anni, fatti di una mobilitazione costante estesa a tutta la Piana Firenze Prato Pistoia, capace di elaborare controproposte senza ricorso all’ incenerimento, nella direzione della strategia rifiuti zero basata sui cicli ecoenergetici e sulla difesa della salute senza se e senza ma.

Una mobilitazione dal basso di abitanti, comitati popolari. Volantinaggi casa per casa, assemblee pubbliche, manifestazioni, ognuno di noi conserva i propri ricordi gelosamente, la fatica e lo sforzo di chi è partito soverchiato dalle forze dell’avversario, Quadrifoglio e Hera che avevano dalla sua parte, tutte le formazioni politiche e tutti i media.
Ognuno di noi è un pezzo di questa lotta, in tanti ce la siamo caricata sulle spalle e collettivamente l’abbiamo portata avanti, una lotta che è esplosa negli ultimi anni, dirompente, per dare una grande spallata ad un progetto assurdo e insensato.

Nei primi anni 2000, parlavamo di raccolta porta a porta, di riutilizzo e di riciclaggio, di compostaggio di qualità,di tariffe puntuali, di una gestione pubblica fondata sugli interessi collettivi e sull’ abbandono delle combustioni dannose per la salute umana e per l’ ambiente. Ci hanno dato dei pazzi, hanno deriso le idee che adesso sostengono e che ci vengono presentate come se le avessero inventate loro e tirate fuori dal cappello.

Ci ricordiamo in Comune a Campi B.zio, la Sindaca Fiorella Alunni, in un consiglio comunale strapieno di abitanti inferociti, approvare la costruzione dell’inceneritore.

Ci ricordiamo del referendum vinto sempre a Campi, contro il Sindaco Adriano Chini con quasi 10 mila voti contrari all’impianto; per arrivare al pavido Sindaco Fossi che nel 2015 non riuscì neanche ad approvare una delibera sostenuta da migliaia di firme, per aderire alla strategia rifiuti zero, e che adesso ciancia di alternative e economia circolare.

Si ricorderà il governatore Rossi della serata alla Querce, quando è scappato via sotto la pioggia; e Nardella al Puccini e Renzi a Sesto F.no dove su questo tema ha perso le elezioni del Comune, non meno di due anni fa.

Noi ce lo ricordiamo perché questa è la nostra storia, sentiremo i politici rifarsi la loro verginità green, qualcuno ha cominciato da un mese, qualcuno da qualche giorno in più; nessuno di loro c’era 20 anni fa, nessuno c’era alla manifestazioni a Sesto F.no, a Campi, Pontassieve, Montale-Agliana, Prato, Greve nel 2005 e poi Firenze e ancora Campi nel dicembre del 2013, ai presidi a Quadrifoglio e Arpat, alla manifestazione dell’aprile del 2015 e poi il maggio del 2016 in 20 mila fino al centro di Firenze, ai concerti con migliaia di persone, alle cene di finanziamento ai banchetti al mercato, sulle trivelle nei terreni, a piantare alberi, a costruire il presidio a metterli tutti quanti davanti al fatto che senza la gente, senza di noi, non avrebbero fatto un bel nulla.

E così è stato, il progetto dell’inceneritore di Case Passerini ha preso oggi un colpo definitivo, l’autorizzazione è stata annullata, adesso se volessero andare avanti con questo progetto scellerato, dovrebbero ripartire da zero col progetto, con le conferenze dei servizi e le approvazioni.

Parlano i politici oggi, addirittura fingono di festeggiare e non chiedono scusa, perché questa lezione che hanno preso dagli abitanti, non l’hanno imparata.
Noi al contrario l’abbiamo imparata benissimo, abbiamo capito che tutti insieme gli abbiamo fatto tremare le gambe, li abbiamo schiacciati con la correttezza delle nostre idee, abbiamo ribaltato tutte le loro decisioni, tutti i loro titoli di giornale, tutti i loro “non ci sono alternative” e “partiranno i lavori entro..”; oggi abbiamo imparato che siamo capaci di fargli ingoiare bocconi amari, lo abbiamo imparato e ora noi andiamo avanti, perché avevamo la nostra idea di territorio, la nostra idea del Parco della Piana.
Abbiamo costruito una comunità solidale e resistente, abbiamo incrociato sguardi, condiviso fatiche, intessuto rapporti che dureranno molto oltre questo maggio, c’è ancora tanto da fare per costruire una Piana ambiente comune di vita, a misura d’uomo, baricentro una volta per tutte di nuove relazioni uomo, natura,società.

Ora che vi abbiamo sconfitto sull’Inceneritore sappiamo che possiamo sconfiggervi su tutti i progetti inutili e dannosi che avete in mente per il nostro territorio, a cominciare dal Nuovo Aeroporto, alla chiusura degli inceneritori di Montale, di Baciacavallo, delle discariche per rifiuti speciali e scorie incenerite e per il rifiuto della strategia integrata che mantiene aperta , seppure in quantità ridotte, l’opzione dell’ incenerimento dei rifiuti e delle biomasse vegetali e quindi della combustione.

Sappiamo che tenterete di barattare l’Inceneritore con l’Aeroporto, voi sappiate che ci troverete al nostro posto, al Presidio a difendere ancora una volta il Parco, e le nostre vite in questo pezzo di terra a nord/ovest di Firenze oggi avete imparato una lezione, da qui non si passa.

Questa è la nostra storia, questa è la nostra vittoria, questo è il nostro territorio, ora tocca all’Aeroporto!

Che la forza di questa vittoria arrivi ai tanti comitati in lotta in tutta Italia contro le grandi opere inutili e dannose.

Fermarli oggi più che mai è possibile! Fermarli tocca a tutt* noi!
Assemblea Presidio NoInc-NoAer

Posted in Comunicati | Tagged , , | Comments Off on NO inceneritori NO aeroporto fermarli e’ possibile e lo abbiamo dimostrato!

Vittoria!

Dopo 15 anni di lotta dal basso, possiamo dire #UNVISIEFATTOFARE!

SENZA LA GENTE NON SI DECIDE NIENTE!

Vittoria

Vittoria

Posted in Comunicati | Tagged , | Comments Off on Vittoria!